Audio tour

Audio tour8. Lo splendore di una città

Solo in Italiano

A partire dalla fine del VI secolo a.C. Vulci conosce un grande fervore costruttivo. La città definisce gli spazi urbani, con grandi e importanti edifici pubblici sacri e civili  sull’acropoli decorati da raffinate terrecotte architettoniche.

Le preziose ceramiche da banchetto prodotte ad Atene nel VI e nel V sec. a.C. e importate  a Vulci  diffondono nel mondo etrusco, grazie alla loro decorazione, storie e miti di divinità ed eroi greci.

A partire dalla fine del VI secolo a.C.  emerge uno tra i più raffinati ceramisti d’Etruria, come il Pittore di Micali che realizza vasi su cui sono rappresentati figure mitiche e animali fantastici.

Con il V secolo a.C., Vulci perde la sua connotazione commerciale a seguito del ridimensionamento della potenza etrusca nel Mediterraneo, ad opera delle colonie greche dell’Italia meridionale e della Sicilia.

Durante tutto il V e nel IV secolo a.C. Vulci continua in ogni caso a produrre raffinate ceramiche e soprattutto pregevoli oggetti in bronzo, tra cui specchi e candelabri.

Fermate tour

Recensioni

Non esistono ancora recensioni

Scrivi una recensione per primo
A minimum rating of 1 star is required.
Please fill in your name.