Audio tour

Audio tourNove Città della Ceramica - Museo Diffuso di Nove

Only in Italian

2 sights

  1. Audio tour Summary
  2. Audio tour Summary

    Un viaggio alla scoperta del territorio di Nove, tra musei, scuole, antiche manifatture e sculture a cielo aperto.

    La storia di Nove, cittadina situata sulla destra del Brenta nella pianura di Bassano, ha origine dalle terre strappate alle acque, le “Terrae Novae”, dalle quali deriva il toponimo, e fu proprio la vicinanza del fiume a determinare le fortune economiche del centro e a stabilirne i connotati di “terra di ceramica”. Del fiume venivano utilizzati i depositi di materiali alluvionali, sabbia e ghiaie, ciottoli di quarzo e di calcio carbonato, utilizzati per gli impasti ceramici.
    Del fiume si sfruttava l’energia idraulica per azionare i mulini ed i loro complessi macchinari usati per la miscelazione e la preparazione delle terre e delle vernici. In ultima, grazie al Brenta, si potevano trasportare il legname per i forni ed i prodotti finiti.

    Di Paola Rossi/La Piccionaia nato all’interno del progetto COMUNITA’/CULTURA/PATRIMONIO per il contrasto alla povertà culturale, realizzato con il sostegno di Fondazione Cariverona e promosso in collaborazione tra il Comune di Nove e il Comune di Bassano del Grappa.

  3. 1 La Storia di Nove
  4. 2 Il Mulino Pestasassi
  5. 3 Palazzo Baccin e Manifattura Zen
  6. 4 La fabbrica Cecchetto e la Madonna della Ceramica
  7. 5 Il Lampione del Liceo artistico e di Angelo Spagnolo
  8. 6 I Cuchi e il Lampione di Diego Poloniato
  9. 7 La Mura Antonibon di Alessio Tasca
  10. 8 Antica Manifattura Antonibon, dal 1907 Barettoni
  11. 9 Il Lavoro di Pompeo Pianezzola e Edera di Giuseppe Lucietti
  12. 10 Il Parapetto Didattico
  1. Audio tour Summary

    Un viaggio alla scoperta del territorio di Nove, tra musei, scuole, antiche manifatture e sculture a cielo aperto.

    La storia di Nove, cittadina situata sulla destra del Brenta nella pianura di Bassano, ha origine dalle terre strappate alle acque, le “Terrae Novae”, dalle quali deriva il toponimo, e fu proprio la vicinanza del fiume a determinare le fortune economiche del centro e a stabilirne i connotati di “terra di ceramica”. Del fiume venivano utilizzati i depositi di materiali alluvionali, sabbia e ghiaie, ciottoli di quarzo e di calcio carbonato, utilizzati per gli impasti ceramici.
    Del fiume si sfruttava l’energia idraulica per azionare i mulini ed i loro complessi macchinari usati per la miscelazione e la preparazione delle terre e delle vernici. In ultima, grazie al Brenta, si potevano trasportare il legname per i forni ed i prodotti finiti.

    Di Paola Rossi/La Piccionaia nato all’interno del progetto COMUNITA’/CULTURA/PATRIMONIO per il contrasto alla povertà culturale, realizzato con il sostegno di Fondazione Cariverona e promosso in collaborazione tra il Comune di Nove e il Comune di Bassano del Grappa.

Reviews

No reviews yet

Write the first review
A minimum rating of 1 star is required.
Please fill in your name.